Treebe - Agenzia di comunicazione

AGENZIA DI COMUNICAZIONE DIGITALE

Email: [email protected]

Tel: +39 328 255 1541

SEGUICI

AGENZIA DI COMUNICAZIONE DIGITALE

Email: [email protected]

Tel: +39 328 255 1541

Mercati , Strategie

Social media marketing natalizio: Guida pratica al marketing per l’ultimo periodo dell’anno (pt. 3)

Social media marketing natalizio: Guida pratica al marketing per l’ultimo periodo dell’anno (pt. 3)

Dopo aver affrontato la spinosa questione dell’email marketing natalizio (link) non possiamo dimenticare i social!

Ecco qualche qualche semplice dritta per campire come comportarci sui social network  prima della festa più attesa dell’anno.

 

Prima di tutto, ti sei chiesto qual è il TUO obiettivo SPECIFICO per i social? 

Prova a distinguere gli obiettivi anche in base ai canali attraverso i quali intendi comunicare. 

Un obiettivo può essere più o meno facilmente ottenuto anche in relazione al canale sul quale si struttura la strategia ad esso finalizzata. Un esempio? Pensa ad un codice sconto inserito nel contenuto testuale di un post di Facebook e a poi al medesimo codice sconto, proposto però attraverso una grafica accattivante, all’interno di una DEM indirizzata alla tua casella di posta elettronica personale. Probabilmente percepirai il messaggio su Facebook come generico, o non ci farai proprio caso. L’email invece ti sembrerà dedicata proprio a te, pensata in base alle tue interazioni con l’azienda. E, probabilmente, quel buono sconto verrà utilizzato davvero.

In questo momento dell’anno, infatti, i social ci sembrano un luogo ben più adatto allo storytelling del brand, alla narrazione di valori, all’espressione di emozioni che alla proposta di codici sconto, di regali o di offerte sensazionali.

È lecito che tu ti chieda, a questo punto, come proporre sulle tue pagine social un racconto dal tono natalizio che parli però della personalità del tuo brand.

 

Seconda dritta: Show, don’t tell. Punta su foto e video!

Ma come? Perché “don’t tell” se si tratta di un racconto?

I social media devono gran parte della loro efficacia al forte coinvolgimento della nostra vista. Ecco perché il “mostrare” può essere davvero una strategia vincente. Attraverso la vista siamo in grado di cogliere più velocemente qualsiasi messaggio e di afferrare immediatamente il suo contenuto emozionale. Questo è anche spiegato scientificamente dal funzionamento dei neuroni specchio. Il significato delle due parole ci fa capire al volo come funzionino:  essi si attivano, per esempio, quando vediamo qualcuno fare qualcosa. Quando si attivano, permettono al nostro cervello di riflettere lo stesso schema di attivazione di quello della persona che sta eseguendo l’azione. Ciò non vale però solo per l’osservazione di azioni, ma anche - ed è questo il punto ! - per l’osservazione dei volti. Ci sembra perciò di provare la stessa emozione! La dimostrazione? Per esperienza diretta tutti noi sappiamo bene che possiamo riconoscere le emozioni anche solo guardando il viso di qualcuno e che a volte ci sembra proprio di vivere in prima persona quell’emozione che abbiamo captato così rapidamente.

Sono venute in mente anche a te tante “classiche” pubblicità del periodo natalizio, dove i veri protagonisti sono i volti sereni e gioiosi di famiglie riunite attorno ad una tavola imbandita?

 

Terzo tipp: Lascia che sia il tuo pubblico a creare!

La parola d’ordine rimane “coinvolgimento”. Non più soltanto emotivo, ma anche diretto e creativo! Prova a creare delle “ sfide” o dei semplici contests dove gli utenti siano chiamati a mettersi in gioco creando dei contenuti: fotografici, video o anche semplici realizzazioni artigianali o decorazioni natalizie. Naturalmente il fine è condividere le creazioni, le foto o i video e trasmettere la sensazione di trovarsi ad interagire con un’azienda davvero vicina ai propri clienti. Un’azienda più umana e sempre meno impersonale.

E se davvero hai puntato sul coinvolgimento “in prima persona” degli utenti, probabilmente riceverai numerosi messaggi e richieste di contatto. Dedicati con cura al customer care, riservando tempo ed attenzioni ad ogni potenziale cliente. 

Del resto…a Natale non siamo tutti più “buoni”?

 

Stay focused. 

Ricorda che TU fai la differenza. In un mondo che è un tripudio di idee e di creatività, ma  dove tutto (paradossalmente!) può sembrare già sentito e ridondante, occorre perseverare nell’obiettivo a lungo termine della costruzione dell’identità del proprio brand. Anche nel periodo natalizio, dove valori ed emozioni sembrano farsi eco a vicenda…fai sentire la tua voce!

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Mercati , Strategie

Social media marketing natalizio: Guida pratica al marketing per l’ultimo periodo dell’anno (pt. 3)

Social media marketing natalizio: Guida pratica al marketing per l’ultimo periodo dell’anno (pt. 3)

Dopo aver affrontato la spinosa questione dell’email marketing natalizio (link) non possiamo dimenticare i social!

Ecco qualche qualche semplice dritta per campire come comportarci sui social network  prima della festa più attesa dell’anno.

 

Prima di tutto, ti sei chiesto qual è il TUO obiettivo SPECIFICO per i social? 

Prova a distinguere gli obiettivi anche in base ai canali attraverso i quali intendi comunicare. 

Un obiettivo può essere più o meno facilmente ottenuto anche in relazione al canale sul quale si struttura la strategia ad esso finalizzata. Un esempio? Pensa ad un codice sconto inserito nel contenuto testuale di un post di Facebook e a poi al medesimo codice sconto, proposto però attraverso una grafica accattivante, all’interno di una DEM indirizzata alla tua casella di posta elettronica personale. Probabilmente percepirai il messaggio su Facebook come generico, o non ci farai proprio caso. L’email invece ti sembrerà dedicata proprio a te, pensata in base alle tue interazioni con l’azienda. E, probabilmente, quel buono sconto verrà utilizzato davvero.

In questo momento dell’anno, infatti, i social ci sembrano un luogo ben più adatto allo storytelling del brand, alla narrazione di valori, all’espressione di emozioni che alla proposta di codici sconto, di regali o di offerte sensazionali.

È lecito che tu ti chieda, a questo punto, come proporre sulle tue pagine social un racconto dal tono natalizio che parli però della personalità del tuo brand.

 

Seconda dritta: Show, don’t tell. Punta su foto e video!

Ma come? Perché “don’t tell” se si tratta di un racconto?

I social media devono gran parte della loro efficacia al forte coinvolgimento della nostra vista. Ecco perché il “mostrare” può essere davvero una strategia vincente. Attraverso la vista siamo in grado di cogliere più velocemente qualsiasi messaggio e di afferrare immediatamente il suo contenuto emozionale. Questo è anche spiegato scientificamente dal funzionamento dei neuroni specchio. Il significato delle due parole ci fa capire al volo come funzionino:  essi si attivano, per esempio, quando vediamo qualcuno fare qualcosa. Quando si attivano, permettono al nostro cervello di riflettere lo stesso schema di attivazione di quello della persona che sta eseguendo l’azione. Ciò non vale però solo per l’osservazione di azioni, ma anche - ed è questo il punto ! - per l’osservazione dei volti. Ci sembra perciò di provare la stessa emozione! La dimostrazione? Per esperienza diretta tutti noi sappiamo bene che possiamo riconoscere le emozioni anche solo guardando il viso di qualcuno e che a volte ci sembra proprio di vivere in prima persona quell’emozione che abbiamo captato così rapidamente.

Sono venute in mente anche a te tante “classiche” pubblicità del periodo natalizio, dove i veri protagonisti sono i volti sereni e gioiosi di famiglie riunite attorno ad una tavola imbandita?

 

Terzo tipp: Lascia che sia il tuo pubblico a creare!

La parola d’ordine rimane “coinvolgimento”. Non più soltanto emotivo, ma anche diretto e creativo! Prova a creare delle “ sfide” o dei semplici contests dove gli utenti siano chiamati a mettersi in gioco creando dei contenuti: fotografici, video o anche semplici realizzazioni artigianali o decorazioni natalizie. Naturalmente il fine è condividere le creazioni, le foto o i video e trasmettere la sensazione di trovarsi ad interagire con un’azienda davvero vicina ai propri clienti. Un’azienda più umana e sempre meno impersonale.

E se davvero hai puntato sul coinvolgimento “in prima persona” degli utenti, probabilmente riceverai numerosi messaggi e richieste di contatto. Dedicati con cura al customer care, riservando tempo ed attenzioni ad ogni potenziale cliente. 

Del resto…a Natale non siamo tutti più “buoni”?

 

Stay focused. 

Ricorda che TU fai la differenza. In un mondo che è un tripudio di idee e di creatività, ma  dove tutto (paradossalmente!) può sembrare già sentito e ridondante, occorre perseverare nell’obiettivo a lungo termine della costruzione dell’identità del proprio brand. Anche nel periodo natalizio, dove valori ed emozioni sembrano farsi eco a vicenda…fai sentire la tua voce!

Ti è piaciuto il nostro articolo?

PARLACI DEL TUO PROGETTO

wtreebe
Piazza Luigi di Savoia, 22
70121 Bari
P.IVA IT08002720723
Email: [email protected]
Telefono: +39 328 255 1541

Privacy | Cookies
confbaribat